www.valterborsato.it

Come creare un Grafico a Dispersione in Excel

I Grafici a Dispersione di Excel, da non confondere con i grafici lineari, vengono spesso indicati come Grafici Cartesiani XY, in quanto utilizzano due serie di valori (uno sull'asse delle X e uno sul'asse delle Y) ma non utilizzano le categorie.
Nel Grafico a Dispersione le due variabili sono pertanto riportate su uno sistema di riferimento cartesiano.
I valori della prima serie sono indicati sull’asse orizzontale delle X, mentre i valori dell’altra serie sono rappresentati sull’asse verticale delle Y.
Ogni unità nel grafico è pertanto rappresenta da un punto posizionato in base alle proprie coordinate.
Il grafico a dispersione è forse il grafico maggiormente applicato in matematica statistica e permette di visualizzare in un sistema cartesiano le modalità in cui interagiscono due variabili.
In un Grafico a Dispersione di Excel è possibile aggiungere Linee di tendenza e il valore R2

Quando applicare un Grafico a Dispersione e cosa serve?

il Grafico a Dispersione viene utilizzato quando si vogliono confrontare fra loro valori numerici presenti in due colonne oppure in due righe del Foglio di lavoro di Excel.
I Grafici a Dispersione servono per capire che tipo di relazione c’è tra le due serie di dati. Ovvero, se all'aumentare dei valori in una serie vi è un riscontro di aumento anche nella seconda, oppure viceversa se all'aumentare di una si riscontra una diminuzione nell'altra.

Esempio di costruzione di un Grafico a Dispersione in Excel

Quale esempio per spiegare la costruzione di un Grafico a Dispersione, si consideri la tabella visualizzata nella sottostante immagine, nella quale sono presenti due serie di dati relativi al numero di dipendenti mensilmente presenti in produzione e il totale della corrispondente produzione mensile.
Obiettivo del grafico sarà rilevare le correlazioni fra le due serie di dati e inserire una linea di tendenza.

Excel: Grafico a dispersione: Esempio di costruzione di un Grafico a Dispersione in Excel

Selezionare il Grafico a Dispersione nella scheda Inserisci

Selezionata la tabella, nel gruppo pulsanti Grafici della scheda Inserisci cliccare sul pulsante Inserisci grafico a dispersione XY o grafico a bolle.
Una volta cliccato il pulsante si aprirà il menu a tendina contenente i modelli dei Grafici dispersione e bolle, (fra questi scegliere il primo in alto a sinistra: Dispersione).
ATTENZIONE: qualora la tabella avesse una prima colonna contenente le categorie (Es. intestazioni di mesi), non bisogna selezionarla, vanno selezionate solo le due colonne con le serie di dati.

Excel: Grafico a dispersione: Selezionare il grafico a dispersione nella scheda Inserisci

Inserire il Grafico a Dispersione nel Foglio di lavoro di Excel

Selezionate le due colonne della tabella contenenti i valori e individuato il modello grafico a Dispersione, il grafico viene immediatamente inserito nel foglio di lavoro di Excel.
Il risultato dell'inserimento è rappresentato nell'immagine sottostante.
Nel grafico di cui sotto, vi sono una serie di elementi che vanno corretti.
In primo luogo il titolo del grafico è sbagliato. Excel in questo caso ha preso l'intestazione della seconda colonna come titolo.
Inoltre, è possibile modificare la Scala dell'asse verticale e  la scala dell'asse orizzontale. Risulta infatti inutile partire da zero quando i valori delle produzioni non sono mai inferiori a 140.000 e il numero dei dipendenti mai inferiore a 21.
Il risultato del partire con lo zero come scala,  fa si che i valori (vedi cerchio) si raggruppano tutti in altro a destra lasciando gran parte dell'area del grafico inutilmente vuota.
Inoltre, come per tutti gli altri grafici di Excel, anche per un Grafico a Dispersione è possibile intervenire con specifici Stili di formattazione per migliorarne le caratteristiche grafiche.

Excel: Grafico a dispersione: Inserire il grafico a dispersione nel Foglio di lavoro di Excel

Applicare gli stili al Grafico a Dispersione

Per quanto concerne l'applicazione degli Stili, l'operazione è davvero molto facile. Sulla scheda Struttura Grafico presente sulla barra multifunzione sono disponibili gli Stili grafici, la tavolozza e i layout rapidi.
Inoltre, una volta selezionato il grafico, in alto nel lato destro del grafico sono presenti tre pulsanti (simbolo +; pennello e imbuto) che permettono rispettivamente di accedere agli Elementi di impostazione (etichette; titoli; nome degli assi; legenda etc...); agli Stili e al Filtro dati.
Per un approfondimento sul significato dei pulsanti presenti sulla Barra Struttura grafico e a destra del grafico, si rimanda alla sezione: Creare un Istogramma e barre degli strumenti grafico

Excel: Grafico a dispersione: Applicare gli stili al grafico a Dispersione

Impostare correttamente il Grafico a Dispersione (modificare le scale di lettura)

In un Grafico a Dispersione è possibile modificare la Scala dell'asse verticale e dell'asse orizzontale.
Questo, come precedentemente anticipato,  permette di evitare che non si debba partire da zero come nel caso dell'impostazione iniziale.
Partendo da zero i punti sarebbero tutti dislocati verso l'angolo superiore destro del grafico e gran parte dell'aera dati risulterebbe vuota.
Per evitare questo si può impostare la scala di lettura degli assi che parta da un valore minimo di poco inferiore ai valori più bassi presenti in tabella (Nel caso dell'esempio: numero dipendenti 21 e quantità prodotte 140.000).
Per impostare l'asse è sufficiente fare doppio clic sull'asse stesso oppure cliccare con il pulsante destro e successivamente scegliere Formato Asse.
Entrambe queste azioni aprono un menu wizard a bordo destro dello schermo nel quale (come da immagine) è possibile definire un Limite Minimo e un Limite massimo delle scale presenti nell'asse delle X e delle Y.
Per queste opzioni non è presente il pulsante OK, ma basta solo cliccare su una cella del Foglio di lavoro per tornare a lavorare sul Foglio dati.
Nella finestra sottostante, è visibile la modifica della scala di lettura degli assi, inoltre è stato modificato il titolo semplicemente entrando nell'etichetta del titolo e rinominando il testo.

Excel: Grafico a dispersione: Impostare correttamente il grafico a Dispersione (modificare le scale di lettura)

Inserire una linea di tendenza nel grafico

Un grafico cartesiano come la Dispersione si presta per essere analizzato con una linea di tendenza.
Se si desidera inserire una linea di tendenza in un Grafico, Excel mette a disposizione sei diversi tipi di tendenza o regressione.
Per inserire la Linea di tendenza  è sufficiente selezionare uno dei punti del grafico e con i clic del pulsante destro scegliere Aggiungi linea di tendenza...
Una volta cliccato su Aggiungi linea di tendenza nella parte destra dello schermo si attiva il menu wizard Formato linea di tendenza nel quale è possibile selezionare la tipologia di linea che si vuole inserire nel grafico (per default viene proposta quella Lineare).
Nell'immagine sottostante è possibile prendere visioni del menu di selezione delle Opzioni linee di tendenza

Excel: Grafico a dispersione: Inserire una linea di tendenza nel grafico

Selezionata la linea di tendenza che si vuole applicare, il risultato viene immediatamente trasferito sul grafico. 
Una linea di tendenza lineare mette in evidenza se i valori analizzati hanno un andamento crescente o decrescente in modo costante.
Nella figura sottostante vengono proposte due diverse Linee di tendenza, la lineare e la Polinomiale.
:: L'affidabilità di una linea di tendenza è tanto più elevata quanto più il valore R2 è prossimo 1, viceversa diventa poco affidabile se il valore R2 e più vicino allo zero.
In aggiunta alla Linea di tendenza, è possibile inserire nel grafico due ulteriori informazioni: visualizzare l'equazione della linea di tendenza e inserire il valore R2

Excel: Grafico a dispersione: risultato applicazione linea di tendenza lineare e polinomiale

Visualizzare l'equazione sul grafico e inserire il valore R quadrato

L'inserimento dell'equazione e del valore R quadrato, viene effettuato con la stessa modalità dell'inserimento delle linee.
Basta infatti fare un clic con il pulsante destro del mouse e nella parte destra dello schermo si attiva il menu wizard Opzioni Formato linea di tendenza. Nella parte inferiore della finestra (bisogna scendere con la barra di scorrimento) sono presenti le due opzioni:
:: Visualizza L'equazione sul grafico
:: Visualizza il valore R quadrato sul grafico

(vedi immagine sottostante)
:: Nota. Si ricorda che quando R2 (coefficiente di determinazione) è uguale a uno, o tendente a uno, le variabili sono perfettamente correlate o comunque in forte correlazione, mentre quando il valore risulta tendente a 0 non esiste un correlazione significativa fra le due serie di dati.
Nel caso dell'applicazione del coefficiente R2 nella sottostante tabella, il risultato mette in evidenza una forte correlazione fra l'aumentare del personale addetto in produzione e i  quantitativi di produzione.
Per un approfondimento sul coefficiente di determinazione R2: Wikipedia

Excel: Grafico a dispersione: Visualizzare l'equazione sul grafico e inserire il valore R quadrato

Indice argomenti