www.valterborsato.it

Come creare un grafico a Bolle con Excel

Il grafico a Bolle è un grafico Cartesiano esattamente come il grafico a Dispersione.
Un grafico a Bolle permette di rappresentare tre serie di dati, due espresse con la posizione sugli assi cartesiani e la terza viene descritta in funzione della dimensione stessa della bolla. Analogamente al grafico a Dispersione, un grafico a Bolle non usa come assi le categorie ma solo valori.
Del grafico a Bolle in Excel sono disponibili due modelli: il 2D e il 3D

Quando applicare un grafico a Bolle

Come precedentemente anticipato, il Grafico a Bolle viene utilizzato per rappresentare tre serie di dati, due delle quali determinano il posizionamento sugli assi cartesiani e il terzo valore definisce la dimensione della bolla.
Da un punto di vista aziendale il grafico a Bolle risulta particolarmente adatto per rappresentare delle somme o delle differenze di due diverse serie valori. Ad esempio potrebbero essere due diversi sedi di vendita e la dimensione delle bolle rappresentare il totale delle vendite. Oppure potrebbero essere una differenza fra ricavi e costi e la bolla potrebbe rappresentare l'utile (in questo secondo caso non dobbiamo però avere dei valori negativi fra costi e ricavi).
Di seguito verranno presi in considerazione entrambi questi casi

Esempio di costruzioni di un grafico a Bolle in Excel

Si consideri l'ipotesi di due sedi territoriali che vendono 4 diversi prodotti. (vedi tabelle sottostante).
La terza serie che determinerà la dimensione della bolla somma i valori prodotto per prodotto delle due sedi (Verona e Padova). 
Nello specifico si vuole rappresentare nell'asse delle X del grafico i dati di Verona e nell'asse delle Y i dati di Padova.
Sulla base di questi dati passiamo alla costruzione del grafico a Bolle

Come creare un grafico a Bolle con Excel: tabella dati

Inserimento del grafico nel Foglio di lavoro di Excel

Per passare alla costruzione del grafico a Bolle è necessario come prima operazione selezionare solo i valori delle due agenzie. Rispetto l'immagine precedente solo l'intervallo dati da B3:D6.
Una volta selezionata questo intervallo nella scheda Inserisci, gruppo pulsanti Grafici, scegliere il pulsante del Grafico a Bolle.
Cliccato il pulsante, Excel mette a disposizioni due soli modelli per il grafico a Bolle, quello 2D e quello 3D,
Nel caso dell'esempio è stato selezionato il 3D e sul foglio di lavoro (al di sotto del menu di scelta del grafico) è possibile vedere l'anteprima.

Come creare un grafico a Bolle con Excel: inserire un grafico a Bolle

Modificare e impostare il grafico a Bolle inserito sul Foglio di lavoro

Una volta inserito il grafico a Bolle, si rendono necessarie alcune impostazioni.
In primo luogo è possibile intervenire sia sul titolo sia sulla scala degli assi.
Inoltre, come in tutti i grafici di Excel, appena viene inserito un grafico in alto a destra vengono messia disposizione tre pulsanti per poter accedere facilmente ad Impostazioni, Layout e Filtri.

Come creare un grafico a Bolle con Excel: Modificare e impostare il grafico a Bolle inserito sul Foglio di lavoro

[1] Elementi di impostazione. Con questo pulsante è possibile accedere all'impostazione di tutti gli elementi del grafico (etichette titoli etc) decidendo il loro inserimento, la modifica o l'esclusione. Molte delle voci presenti all'interno del menu Elementi grafico, se puntate con il mouse, rendono disponibili degli ulteriori sottomenu di impostazione.
[2] Stili grafico, questo pulsante permette di modificare immediatamente l'aspetto del grafico applicando uno specifico stile-modello, e un colore. A queste impostazioni è possibile accedere facilmente anche nella scheda Struttura grafico, presente sulla barra multifunzione.
[3] Filtro grafico, permetterebbe di mostrare o nascondere le categorie visualizzate nel grafico (che in questo tipo di grafico non sono presenti).

Modificare il titolo e la scala dell'asse delle X. Per modificare il Titolo basta fare clic sull'etichetta nella quale è scritto genericamente Titolo del grafico e rinominarla con una descrizione più coerente.
Per quanto riguarda la scale dell'asse delle X è inutile iniziare da zero visto che nello specifico non sono presenti valori bassi.
Per modificare la scala dei valori presenti sull'asse, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'asse, e nel menu scelta rapisa scegliere Formato...
Una volta cliccato Formato... nel lato destro dello schermo compare l'omonimo menu, all'interno del quale è possibile definire un intervallo di valori Minimo e Massimo più preciso. Nell'esempio illustrato nell'immagine è stato impostato un valore minimo di 12000.

Come creare un grafico a Bolle con Excel: Modificare e impostare il grafico a Bolle inserito sul Foglio di lavoro

Quale ultima operazione di formattazione, nella scheda Struttura grafico presente sulla barra multifunzione sono disponibili gli Stili grafici.
Nell'esempio proposto è stato selezionato uno Stile con uno uno sfondo grigio molto scuro e con con intestazioni bianche.

 Come creare un grafico a Bolle con Excel: applicare gli stili grafico 

Una volta modificate e confermate tutte le impostazioni e applicato lo stile, è possibile prendere visione del risultato nell'immagine di cui sotto.

 Come creare un grafico a Bolle con Excel: risultato finale 

Secondo esempio costruzione di un grafico a Bolle

In questo secondo caso viene presa in considerazione una tabella contenente una serie di prodotti con i relativi valori: spese di produzione, vendita e utile.
A differenza del precedente esempio in questo caso le prime due serie di dati (spese di produzione e vendita) vengono sottratte, e la dimensione della bolla rappresenterà l'utile delle vendite di ogni singolo prodotto. (vedi tabella sottostante).p>

Come creare un grafico a Bolle con Excel: Tabella base dati 

La procedura di impostazione di questo secondo grafico a Bolle segue di pari passo quanto precedentemente effettuato, ma a differenza del primo, viene applicato uno stile grafico diverso.
Per quanto riguarda l'impostazione della scala dell'asse delle X, in questo caso (anzichè iniziare da un valore maggiore di zero) è stato impostata Unità principale uguale a 10000 al posto di 5000. In questo modo le intestazioni dell'asse hanno un intervallo più lungo e non si sovrappongono.
::Per accedere al menu di impostazione e modificare l'Unità principale si clicca con il pulsante destro del mouse sui valori della scala delle X e si sceglie Opzioni asse... 
E' possibile prendere visione del risultato finale nella sottostante immagine.

Come creare un grafico a Bolle con Excel: secondo esempio risultato finale grafico 

Indice argomenti