www.valterborsato.it

I connettivi logici E; O; NON e XOR

Le Funzioni Logiche nella definizione del Test comparativo utilizzano come confronto gli operatori logici: uguale, maggiore, minore etc.
Nell'impostare una Funzione logica di Excel può rendersi necessario dover verificare più criteri, a tale scopo i connettivi logici E; O e NON consentono di esprimere con maggiore flessibilità il test logico.
Con la versione 2013 Excel ha introdotto una nuova Funzione logica (esclusiva): XOR.
Queste quattro Funzioni vengono pertanto applicate quando si vuole effettuare un confronto con più condizioni.

In questo tutorial vengono spiegati e applicati i connettivi logici di Excel, e viene presentato come estendere l'utilizzo di queste Funzioni per costruire dei test logici più elaborati annidando questi confronti all'interno di altre Funzioni.

Contenuti del tutorial: I connettivi Logici di Excel 

[01] - Introduzione all'applicazione dei connettivi logici E e O
[02] - La Funzione logica E (Sintassi ed esempi di applicazione)
[03] - La Funzione logica O (Sintassi ed esempi di applicazione)
[04] - La Funzione logica NON (Sintassi ed esempi di applicazione)
[05] - Applicare i connettivi logici: annidare la Funzione E(); e la Funzione O()
[06] - Annidare le Funzione E e  O come test logico della Funzione SE
[07] - Ulteriori esempi di impostazione delle Funzioni logiche E, O e NON
[08] - La Funzione logica XOR (Sintassi ed esempi di applicazione)
[09] - Differenza fra la Funzione O e la Funzione XOR
[10] - Sommario sezioni per approfondimenti sulle Funzioni logiche

Excel: introduzione all'applicazione dei connettivi logici E e O

Il connettivo di congiunzione E indicativamente esprime la parola “e” del nostro linguaggio e permette di unire 2 o più criteri all'interno della Funzione. La congiunzione si considera VERA solamente nel caso in cui tutto quanti i criteri congiunti siano VERI.
Pertanto se viene utilizzato l'operatore E, devono essere veri tutti i valori affinchè il risultato dell'espressione sia VERO.
L'operatore O, che indicativamente rappresenta la parola “oppure” del nostro linguaggio permette anch'esso di unire 2 o più criteri all'interno della Funzione. Al contrario dell'operatore E è sufficiente che un solo valore sia vero affinchè il risultato dell'espressione venga restituito come VERO.

:: Le Funzioni Logiche E, O, NON e XOR  lavorano su variabili che possono assumere solo valore VERO o FALSO.

La Funzione logica E (Sintassi ed esempio di applicazione)

La Funzione logica E (nome inglese della Funzione AND) restituisce come risultato VERO se tutti gli argomenti hanno valore VERO e restituisce FALSO se uno o più argomenti hanno valore FALSO.
Sintassi della Funzione
=E(logico1;logico2; ...)

Nella quale: Logico1; logico2; ... sono da 1 a 30 argomenti di confronto che possono assumere valore VERO o FALSO.
Nell'esempio raffigurato nell'immagine viene proposta una Funzione E che verifica se il settore e la città sono rispettivamente uguali a Calzature e Verona.
Solo nel caso del venditore Bianchi i due valori sono veri. Nel caso del venditore Rossi e Neri il risultato restituito dalla Funzione risulta FALSO.

Excel Funzioni logiche | Applicare La Funzione logica  E (operatore di congiunzione)

La Funzione logica O (Sintassi ed esempio di applicazione)

La Funzione logica O (nome inglese della Funzione OR) restituisce VERO se almeno un argomento ha valore VERO e restituisce FALSO solo se tutti gli argomenti hanno valore FALSO.
Sintassi della Funzione:
=O(logico1;logico2;...)

Nella quale: Logico1;logico2;... sono da 1 a 30 argomenti di confronto che possono avere valore VERO o FALSO.
Nell'esempio raffigurato nell'immagine sottostante viene impostata una Funzione O che verifichi se il settore sia uguale a Calzature oppure che la città sia Verona. Solo i dati relativi al Venditore Neri restituiscono Falso in quanto nessuno dei due valori considerati risulta vero.

Excel Funzioni logiche | Applicare La Funzione logica  O (operatore di disgiunzione)

La Funzione logica NON (Sintassi ed esempio di applicazione)

La Funzione NON (nome inglese della Funzione NOT) prende in considerazione un unico argomento logico e lo inverte da VERO a FALSO. Non è un operatore logico e viene utilizzato per invertire un valore logico e di conseguenza trasformare in VERO ciò che è FALSO o viceversa.
Sintassi della Funzione:
=NON(logico)

Nella quale: l'argomento logico rappresenta un solo e unico valore o espressione che può dare come risultato VERO o FALSO.

Apparentemente questa Funzione sembrerebbe poco applicabile, ma in alcune Funzioni può essere utile verificare quando non viene soddisfatto un determinato argomento.
Nell'esempio raffigurato, la Funzione NON serve per escludere tutti coloro che sono della produzione. 

Excel Funzioni logiche | Applicare La Funzione logica  NON

Applicare i connettivi logici: annidare la Funzione E(); e la Funzione O()

Si consideri la tabella rappresentata nell'immagine sottostante, nella quale si vuole impostare una Funzione SE per calcolare un incentivo economico da corrispondere ad una persona se ha un minimo di anni di lavoro e appartiene ad un determinato settore di produzione. 
Questo tipo di ricerca introduce la necessità di utilizzare i connettivi logici di congiunzione e disgiunzione, nello specifico espressi dalla Funzione E e dalla Funzione O.

Impostare Funzioni logiche applicando  i connettivi  E; O - Tabella esercizio

Annidare le Funzione E e  O come test logico della Funzione SE

Esempio: Rispetto all'anagrafica di cui sopra, si vuole fornire un incentivo di 100 euro a chi da oltre 10 anni lavora nel settore della produzione.
Si deve pertanto avere una condizione VERO per entrambi i valori, età maggiore di 10, e settore uguale a produzione.

Annidare la Funzione E come criterio di una Funzione Logica SE

Se nell'espressione, fosse stata utilizzata la Funzione O, ovvero:
=SE(O(C2>10;D2="Produzione");100;0)
il risultato restituito sarebbe stato che a tutti quelli della produzione e a tutti coloro che hanno più di 10 anni di lavoro verrebbe riconosciuto il valore 100!

Nidificare la Funzione O come criterio di una Funzione Logica SE

Ulteriori esempi di impostazione delle Funzioni logiche E, O e NON

Nella sottostante tabella vengono formulate alcune espressioni il cui risultato se VERO o FALSO appare evidente nella colonna G.
Nel primo caso, il risultato è FALSO perchè con la Funzione E devono essere veri tutti e tre i criteri. I primi due sono veri ma il terzo è falso. Nella cella E3 infatti non c'è scritto Treviso ma Padova.
Nel secondo caso (riga 4) il risultato è VERO perchè sono veri tutti e tre i criteri.
In riga 5 e 6 viene utilizzata la Funzione O. In questa espressione è sufficiente che solo un criterio (riga 5) sia vero per ottenere il risultato VERO.
Al contrario per ottenere il risultato FALSO (riga 6) nessun criterio espresso nella Funzione deve risultare vero.
Più particolare e forse meno utilizzata la Funzione NON, in riga 8 nell'espressione viene chiesto di verificare che il dato in C8 NON sia "Padova" ovviamente il risultato è VERO poichè in C8 c'è scritto Verona.
Al contrario nella riga 9 viene restituito FALSO, poichè viene chiesto di verificare che in C9 NON sia contenuto il testo Verona.

Esempi di impostazione delle Funzioni logiche E, O e NON

La Funzione logica XOR (Sintassi ed esempio di applicazione)

La Funzione XOR (identico nome nella versione Inglese) applica quello che viene chiamato un oppure OR esclusivo, al contrario della Funzione logica O che applica un OR inclusivo. La Funzione XOR è ben rappresentabile nella locuzione latina "aut aut" ovvero un "o" disgiuntivo con il significato di "o questo o quello". pertanto uno solo dei due ma non entrambi. Il concetto di XOR è spesso presente nei processi di programmazione.
Sintassi della Funzione:
=XOR(logico1; [logico2]; ...)

Nella quale: il primo argomento Logico1 è obbligatorio, i valori logici successivi sono facoltativi. Da 1 a 254 condizioni di confronto che possono restituire un valore VERO o FALSO.  Possono essere valori logici, matrici o riferimenti.

Nell'esempio raffigurato nella sottostante immagine. I nominativi devono figurare solo in un provincia (Verona o Vicenza).
La Funzione inserita nella cella E3 è la seguente:  =XOR(C3="X";D3="X")

Contrariamente alla Funzione O, la Funzione XOR, restituisce il falso anche nel caso che entrambe le province siano state selezionato. La Funzione XOR infatti richiede che solo un valore si VERO.

La Funzione logica XOR (Sintassi ed esempio di applicazione) 

Differenza fra la Funzione O e la Funzione XOR

Se il confronto di due test logici fossero entrambi falsi tutte e due le funzioni restituiscono FALSO.
Se nel confronto di due test logici uno fosse vero e l'altro fosse falso, entrambe le Funzioni restituisco VERO.
Differenza. Se tutte e due i test logici fossero veri. La Funzione O restituisce VERO, mentre la Funzione XOR (or esclusivo) restituisce FALSO. 

Approfondimenti sulle Funzioni logiche - Sommario sezioni

Le Funzioni Logiche (sintassi e applicazioni), sono state trattate in più sezioni del sito. Per aiutare chi desiderasse approfondire le proprie conoscenze su questa classe di Funzioni, viene proposto il seguente sommario riepilogativo.

Le Funzioni Logiche di Excel
    4.01 - Funzioni logiche: Funzione SE prima parte. Elementi di base e introduzioni alle Funzione Logiche
    4.02 - Funzioni logiche: Funzione SE seconda parte. Applicare i connettivi logici. Le Funzioni E; O; XOR e NON
    4.03 - Funzioni logiche: La Funzione PIÙ.SE
    4.04 - Funzioni logiche: Le Funzioni CONTA.SE; CONTA.PIÙ.SE per contare i valori definiti da uno o più criteri
    4.05 - Funzioni logiche: Le Funzioni SOMMA.SE; SOMMA.PIÙ.SE per sommare i valori definiti da uno o più criteri
    4.06 - Funzioni logiche: La Funzione SE.ERRORE e la correzione dei messaggi di errore di Excel
    4.07 - Funzioni logiche: La Funzione SWITCH
    4.08 - Esercitazioni ed approfondimenti: 12 esempi di applicazione della Funzione Logica SE

Indice generale Argomenti Excel

[Valter Borsato: ottobre - 2014 | Ultimo aggiornamento 17/01/2021]