www.valterborsato.it

Applicare il Filtro dei dati e le Sequenze temporali nelle tabelle di Excel

Il Filtro dei dati è disponibile per le sole tabelle Pivot a partire dalla versione 2010 di Excel. Successivamente, con la versione 2013, è stata estesa la possibilità di applicazione anche alle normali tabelle.

Le Funzionalità Filtro dei dati, dal punto di vista del risultato non aggiungono molto ai normali filtri di Excel (Automatici o Avanzati) ma rendono però più agevole l'impostazione e il controllo delle informazioni. Il Filtro dei dati può essere ersonalizzato (colore, font, pulsanti, ecc.).
Per la loro facilità di lettura il Filtro dei dati (Slicer nella versione originale inglese) risulta molto utile e pratico anche in fase di presentazione delle informazioni quali ad esempio relazioni a gruppi di lavoro.

Nella versione originale in lingua inglese, lo strumento ha acquisito il nome particolare di Slicer, nella versione in lingua italiana è stato genericamente chimato Filtro dei dati, rendendolo in questo modo anonimo e confuso con i filtri che tradizionalmente vengono applicati alle tabelle di Excel.

Vantaggi dello strumento Filtro dati rispetto i filtri automatici di Excel

Le tabelle rappresentano l'applicazione più utilizzata ed importante di Excel. L'inserimento dei Filtri dati rendono più usufruibili le informazioni presenti nelle tabelle.
I Filtri dati permettono di filtrare rapidamente le tabelle mantenendo un controllo immediato dei criteri che visualizzano o nascondono le informazioni nel data set, senza dover ricorrere al tradizionale ambiente dei filtri a discesa o dei più complessi filtri avanzati.

Attenzione, il filtro dati è applicabile alle sole Tabelle (scheda Inserisci: tabella) e non agli intervalli di dati.

Come inserire un Filtro dei dati in una tabella di Excel

Una volta trasformato l'intervallo di dati in tabella (CTRL + T oppure Scheda Inserisci pulsante Tabella), nella scheda Struttura tabella presente sulla Barra multifunzione fare clic sul pulsante Inserisci filtro dei dati. (vedi immagine).

Lo strumento Filtro dei dati delle tabelle Excel: inserimento

Cliccato sul pulsante Inserisci Filtro dei dati, viene proposta l'omonima finestra di dialogo che permette di selezionare i campi ai quali si vuole applicare lo strumento. (vedi immagine sottostante)

Lo strumento Filtro dei dati delle tabelle Excel: impostazione tabelle

Selezionato il campo Venditore e Regione e confermato facendo clic su OK, sul foglio di lavoro vengono immediatamente visualizzati due Filtri dei dati.
Una volta inseriti i filtri "Slicer" è conveniente attivare l'opzione Selezione multipla (ALT+S) che permette agevolmente di selezionare o escludere alcune voci.

Lo strumento Filtro dei dati delle tabelle Excel: organizzazione del foglio di lavoro

Una volta creati i Filtri dei dati basta semplicemente cliccare sulle voci presenti nelle finestre per filtrare i dati all'interno della tabella. Il vantaggio principale dei Filtri di dati è che permettono di monitorare anche le voci escluse, controllo che risulta molto più complicato nei normali Filtri automatici o avanzati.
Es. nell'immagine sottostante è stata impostata la visualizzazione dei record corrispondenti ai Venditori "Neri e Bianchi" e per le Regioni "Friuli, Lombardia e Veneto". In evidenza (cerchiato in arancione) l'attivazione della funzionalità scelta multipla.

Lo strumento Filtro dei dati delle tabelle Excel:pulsante  selezione multipla

Modificare dimensione e formattazione dello strumento Filtro dei dati

Per ridimensionare i box che contengono i Filtri dei dati è possibile, come per tutti gli oggetti di Excel, trascinare i cerchi che sono presenti agli angoli e lungo il lato dell'oggetto. (vedi immagine di cui sotto).

CONSIGLIO: Per far coincidere il lati del box con la griglia del foglio di lavoro, trascinare tenendo premuto il tasto ALT, si attiva una modalità "calamita" con la quale è possibile il rilascio dell'oggetto solo in coincidenza con le linee della griglia di Excel.

In alternativa al trascinamento dei bordi è possibile utilizzare il menu presente sulla barra multifunzione Filtro dei dati.
La scheda Filtro dei dati viene automaticamente resa disponibile non appena si inserisce questa tipologia di filtri. Nella stessa scheda sono presenti diversi comandi di formattazione fra cui la possibilità di applicare specifici Stili.

Lo strumento Filtro dei dati delle tabelle Excel: modificare dimensione e formattazione dello strumento Filtro dei dati

Impostare più colonne all'interno del Filtro dei dati

Se un campo è popolato con molti valori diversi, anzichè disporre di un lungo elenco, risulta più efficace portare su più colonne l'elenco delle voci.
Per fare questo, una volta selezionato il Filtro dei dati, nella scheda contestuale impostare (vedi immagine sottostante) 2 o più colonne. Questo tipo di impostazione evita di ricorre alle barre di scorrimento qualora fossero presenti molte voci all'interno del campo.

Impostare più colonne all'interno del Filtro dei dati

Personalizzare le impostazione del Filtro dei dati

Il Filtro dei dati, oltre all'applicazione di stili colore prevede tutta una serie di impostazioni.
Per accedere a queste modifiche basta fare un clic con il pulsante destro del mouse e successivamente selezionate Impostazioni filtro dati...

Nella finestra di dialogo Impostazione filtro dati è possibile intervenire sulle seguenti opzioni:
1) Rinominare o nascondere l'intestazione del filtro;
2) Ordinare i valori presenti nel filtro con impostazione crescente o decrescente;
3) Nascondere i pulsanti di valori che non dispongono di dati in tabella;
4) Non visualizzare eventuali elementi che sono stati rimossi nel data set di origine.

Applicare i Filtri dati alle tabelle e Grafici Pivot

I Filtri dei dati furono inizialmente creati specificatamente alle sole Tabelle Pivot e successivamente (con la versione 2013) estesi anche alle normali tabelle di Excel.
Una interessante opportunità di questi filtri è che possono essere organizzati relativamente a campi che non sono visualizzati nell'analisi dati Pivot.

Impostare un Filtro dei dati (Slicer) a grafici e tabelle Pivot

La modalità di applicazione è comunque la stessa precedentemente presentata per le normali Tabelle di Excel.
Cambia solo la posizione del pulsante di attivazione Inserisci filtro dati, in questo caso direttamente disponibile nella scheda contestuale Analisi tabella pivot.

Impostare un Filtro dei dati (Slicer) a grafici e tabelle

Applicare il Filtro: Sequenza temporale

Ulteriore strumento che estende la possibilità di analisi fornita dal Filtro dei dati, è l'inserimento della sequenza temporale. Questo strumento è ovviamente applicabile ai soli campi di tipo data e permette facilmente di selezionare specifiche frazioni temporali o periodi di tempo: mesi, trimestri, anni.
Le modalità di applicazione non sono diverse dal Filtro dei dati.

Per attivare lo strumento di filtro delle Sequenze temporali, nella scheda Analisi tabella pivot, fare clic sul pulsante Inserisci sequenza temporale. Nell'omonima finestra di dialogo scegliere quale o quali (se presenti più di uno) campi di tipo data si vogliono gestire con il filtro.
Una volta confermato con OK (come visibile nell'immagine sottostante) il filtro viene inserito nel foglio di lavoro di Excel.

Applicare il Filtro: Sequenza temporale

Dal punto di vista operativo è molto semplice gestire questo strumento.
Basta infatti aprire la tendina in altro a destra per scegliere i periodi di filtro (Giorni, mesi trimestri, anni) e successivamente selezionare o deselezionare con un clic i periodi che si vogliono filtrare.

:: Per un ulteriore approfondimento sullo strumento della sequenza temporale e sulla gestione in genere delle date nelle tabelle Pivot, si rimanda alla visione del sottostante video.

Contenuti video.
Le date rappresentano spesso una informazione molto importante nelle tabelle di Excel.
Per questo motivo può risultare estremamente utile poter aggregare le date e su queste effettuare subtotali legati al periodo di riferimento. Nelle Tabelle Pivot di Excel, per migliorare l'analisi e la lettura dei valori, è infatti possibile accorpare gruppi di informazioni consentendo in questo modo di visualizzare e mettere in rilievo dei sottoinsiemi di dati.
Excel è in grado di raggruppare automaticamente i campi che contengono dei numeri, delle date o delle informazioni in formato ora.
Nel video oltre analizzare aggregazioni di tipo settimanale, mensile, trimestrale e annuale viene presentato anche lo strumento "Sequenza temporale"

Indice Generale Argomenti: EXCEL

[Valter Borsato: febbraio  - 2022]